A.M.O.R. notizie

informazioni e novità riguardo ad eventi e pubblicazioni

Modulo Autocertificazione – Ultima Versione

Clicca per scaricare il modulo autocertificazione in ultima versione - modulo_autodichiarazione_17.3.2020

Manovra COVID – Dettaglio

In dettaglio la Manovra Covid del governo - manovra covid ter.pptx.pdf.pdf.pdf.pdf

Amor Risponde

Le risposte di Amor alle domande più comuni in questo particolare periodo AMOR risponde

FESTA 80 ANNI NIGUARDA E 35 ANNI DI AMOR

80 ANNI Niguarda

Festa del 28   Settembre 2019  

Il 10 Ottobre 1939 veniva inaugurato a Milano il nuovo Ospedale Niguarda. Nato come “costola periferica” dell’Ospedale Maggiore Cà Granda – Policlinico di Milano, la sua costruzione si inserisce in un complesso di operazioni che miravano alla trasformazione del volto della città.

L’” Ospedale Maggiore Vecchio”, l’antichissimo e centralissimo Policlinico di Milano, oramai non era più sufficiente alle necessità di una città che andava espandendosi, con un enorme bacino industriale a nord. Dei 12.650 operai residenti nei comuni dell’hinterland di Milano, censiti nel 1911, ben oltre 9.000 risiedevano tra Affori, Niguarda e il comune di Musocco.

Un progetto ambizioso e innovativo, in quanto in Italia, forse per la prima volta, la classica struttura ospedaliera a padiglioni isolati e lontani venne coniugata con quella dell’ospedale monoblocco, con sviluppo verticale tipica degli Stati Uniti. Su una superficie di 322mila metri quadri, furono edificati quasi 55.000 metri quadri di edifici, 132mila metri occupati da strade e piazzali, 135mila sistemati a giardino e prato.  

Ad essere “grandioso” non fu solo il progetto dell’ospedale, ma anche la generosità dei cittadini. Secondo le stime, infatti le spese per l’acquisto del terreno e per la sua edificazione ammontavano a circa 100 milioni di lire. Fin dal momento in cui si cominciò a ventilare l’idea della costruzione di un nuovo ospedale, iniziò una grande e importante catena di donazioni da parte di cittadini, fino ad arrivare all’enorme cifra di 75 milioni e 500mila lire. Oltre i 2 terzi dei costi per la realizzazione dell’ospedale furono, quindi, finanziati dalla generosità di moltissimi benefattori, di alcuni dei quali è rimasta traccia nelle vetrate dell’Aula Magna. 

Questa sensibilità collettiva dimostrata allora dalla Città fu sorprendente e rende Niguarda a tutti gli effetti “l’Ospedale dei Milanesi”

35   anni   di   AMOR a Niguarda

Da 35 anni la nostra associazione è presente presso l’Ospedale di Niguarda, primo ospedale italiano che ha supportato l’ossigenoterapia domiciliare del primo gruppo di persone che hanno potuto così tornare a casa con un bombolone di ossigeno liquido. In passato l’unica possibilità prevista per le persone che avevano problematiche respiratorie, era l’uso dell’ossigeno gassoso. 

In occasione degli 80 anni l’ospedale Niguarda ha proposto varie celebrazioni, tra cui una grande festa con diverse attività: screening di vari tipo, musica e intrattenimento, dando la possibilità alle 70 associazioni di pazienti, presenti all’interno dell’ospedale, di farsi conoscere. 

La nostra postazione è stata visitata dal Direttore Generale di Niguarda dottor Marco Bosio e dall’Assessore al Welfare Avv. Giulio Gallerà, ricevuti dal nostro Presidente dottor Clemente Caminaghi (vedi foto sottostante).

CLICCA PER VEDERE L’ARTICOLO CON LE FOTO

 

 

 

 

 

 

 

 

Giornata Mondiale BPCO

GIORNATA MONDIALE BPCO

Soggiorno Invernale 2020

CLICCA PER CONSULTARE LA NOSTRA PROPOSTA PER I SOGGIORNI 2020

Giovedì di Gorla

INFORMAZIONI SULLA SALUTE
Polo Riabilitativo di Via Isocrate 19 Aula Colombo

I GIOVEDì di GORLA

Festa di Niguarda

Scarica il programma completo clicca sul link PROGRAMMA COMPLETO_

Prevenire infezioni Lavandosi le mani

Prevenire le infezioni con il lavaggio corretto delle mani

Comune di Milano Contributi soggiorni Climaticici

Comune di Milano Contributi soggiorni Climaticici Articolo sul comune di Milano ed i soggiorni climatici

Page 2 of 1112345...10...Last »