La cura dell’aria in ambiente marino

E’ provato ufficialmente che l’aria ricca di salinità che si respira in barca e vicino ai punti dove si infrangono le onde, ha senza dubbio effetti benefici sull’uomo.

Gli effetti benefici del clima marino e dell’esposizione ai raggi del sole sono noti fino dall’antichità.

 

 L’acqua di mare per la sua salinità ha numerose proprietà legate proprio alla sua composizione, svolge un’azione detergente e antibatterica.

 

Nel Mar Mediterraneo la salinità si aggira attorno al 36 per mille ed è dovuta principalmente ai cloruri di sodio e di magnesio. Ma il mare è ricco di microorganismi viventi che apportano carbonio, idrogeno e ossigeno e nell’acqua sono presenti con percentuali minori numerosi altri elementi come zolfo, potassio cloro ad alcuni gas come l’ossigeno, l’azoto e l’anidride carbonica.

 

Il clima marino ha una grande influenza sull’uomo. Le soste frastagliate e rocciose sono dette stimolanti mentre le zone sabbiose hanno un carattere sedativo.

 

A causa dei venti e del moto ondoso molte sostanze presenti nell’acqua si trasmettono nell’aria arricchendola di minerali mentre l’acqua si arricchisce di gas presi dall’aria. Nelle sone ove questo scambio è più vivace di parla di aerosol marino.

 

La respirazione viene stimolata, favorita e amplificata quando avviene in un ambiente naturale aperto e ossigenato, specie se particolarmente favorevole dal punto di vista climatico. In particolare l’aria marina ha una notevole purezza per quanto riguarda gli inquinamenti dell’atmosfera, sia batterici che da polluzione, tranne naturalmente in vicinanza di agglomerati urbani e industriali.

 

La pressione atmosferica marina, solitamente elevata (specie nei mesi estivi), favorisce una respirazione lenta e profonda, un aumento dell’ossigenazione sanguigna, una diminuzione della frequenza cardiaca, con normalizzazione della pressione arteriosa. Dopo un prolungato soggiorno al mare il nostro corpo si libera e si distende; il torace si espande e si verifica un aumento dell’ampiezza respiratoria.

 

Al mare il corpo si sente libero da indumenti costrittivi, la pelle è a contatto diretto con gli elementi dell’aria, della luce e dell’acqua, i polmoni vengono sollecitati. Tutte queste condizioni favoriscono una sensazione di libertà interiore e di benessere.
L’aria di mare si arricchisce di micro particelle di acqua marina, di sali e di ioni sottratti al mare dal vento e dal moto ondoso e trasportati sulla costa. Questo processo forma un vero e proprio aerosol, l’aerosol marino.

 

L’aria alimenta i polmoni portando con sé questa “rugiada marina”, che ha un effetto stimolante sulle funzioni respiratorie e metaboliche.

Anche la pelle respira e “si nutre” da tutti i suoi pori, ossigenata, stimolata e massaggiata dagli elementi marini.

Ogni cellula partecipa a questa “festa respiratoria”, mettendosi in sintonia con tutti gli elementi naturali, aria, acqua, luce presenti nell’ambiente marino.

 

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>